#nofreejobs perchè la rivoluzione nasce in rete

Caro blogger, ti pago 20 euro al mese e tu mi scrivi 40 pezzi: è da questo post di WikiCulture che nasce tutto e non ci sarebbe molto altro da aggiungere ma in quanto blogger mi sento chiamata in causa e voglio dare il mio piccolo contributo.

Esiste, infatti, la bruttissima abitudine da parte di alcune aziende del settore editoriale di pagare pochissimi euro i copywriter a fronte di un lavoro che comporta molta fatica ed ore per documentarsi e scrivere un bell’articolo. E’ giunta l’ora di dire basta!

Alla fantasiosa ma quanto mai realistica lista di Stronco, su come guadare 20 euro senza aguzzare l’ingegno e spremere troppo le meningi si aggiungono altri consigli e commenti su quelle che si possono benissimo definire proposte indecenti.

L’articolo attira l’attenzione degli addetti ai lavori e così Paolo Ratto, condivide sulla sua pagina Facebook il post aggiungendo il commento “Gratis non si lavora. Si ozia”. La frase diventa in breve tempo lo slogan di questa rivoluzione ed in molti la retweettano, me compresa.

Cristina Simone ci aggiunge l’hashtag #nofreejobs e ci sprona a segnalare le  offerte di retribuzione ridicole.
Nel giro di pochissimo tempo viene lanciata la pagina Facebook No free jobs che al momento conta già 340 fan! Su twitter si susseguono tantissimi cinguettii di proposte imbarazzanti di lavoro gratis o sottopagato e frasi ironiche, e l’hashtag si fa strada fra le tendenze italiane. Il profilo @nofreejobs conta 159 followers e 184 tweets: non male per una giornata di vita!

Tra  miei tweet preferiti c’è quello di Claudio Gagliardini “Il lavoro si paga altrimenti torniamo al baratto che è meglio per tutti”. Tutti posso dire la propria, anzi vi sprono a farlo. Il mio è di pochi minuti fa e recita “Il lavoro dovrebbe essere un #diritto garantito dalla Costituzione #nofreejobs“.
Vi segnalo, inoltre, i bellissimi, avvincenti e competenti contributi di Paolo Ratto e de L’inchiesta.

Abbiamo la rete ed i social media dalla nostra parte, non stiamo in silenzio, facciamoci sentire! No Free Jobs!

6 risposte a “#nofreejobs perchè la rivoluzione nasce in rete

  1. Basta !
    Dobbiamo dire BASTA a questo schifo.
    Inutile che ci (s)vendiamo per il prezzo più basso pur di portare a casa 2 euro.

    Sono stato blogger anch’io (ma fui più fortunato) e ad un certo punto son diventato stagista. Poi ho detto basta, adesso PRETENDO un contratto di lavoro vero (non necessariamente a tempo indeterminato).

    Smettiamo di svenderci.

  2. mi sa che scriverò anche io qualcosa riguardo a #nofreejobs ci sono delle persone che se ne approfittano troppo!😦 il lavoro è sacro anche quando coincide con le proprie passioni.

  3. Sono con voi! Scriverò un post entro il week-end! Si tratta di un basta che personalmente sto dicendo da molto tempo, ma ci tengo a farlo esplicitamente e pubblicamente in un post: in questo caso i “no” non sono mai abbastanza!

  4. Pingback: La mappa delle proposte indecenti e l’infografica di #nofreejobs « paperella2punto0·

  5. Pingback: No Free Jobs, tra mito e leggenda. Come tutto ebbe inizio. | WikiCulture·

  6. Pingback: - mi bloggo·

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...